Vai al contenuto

Il programma

San Bonifacio è al centro di un vasto territorio con il quale è in rapporto costante e continuo; non può dunque venire meno alla sua funzione di punto di riferimento per quanto riguarda la qualità della vita, il lavoro, la sanità, l'istruzione, la viabilità e vari servizi in genere. Questa centralità è certamente un onere, ma anche una opportunità e molti problemi devono venir risolti a livello di Est Veronese e non più di singolo paese.

In particolare, il tema della qualità della vita ci aiuta a capire meglio questo punto e ci conforta in una visione ampia dei problemi: la salubrità dell'aria, la qualità dell'acqua, la sicurezza urbana dei cittadini non si fermano al confine tra un paese e l'altro, e nemmeno l'adeguatezza dei trasporti e il sistema della circolazione. La visione d'insieme è indispensabile, il dialogo e la collaborazione sono irrinunciabili.

Prendendo poi in considerazione le recenti vicende amministrative di San Bonifacio, va detto che finalmente, dopo anni di instabilità, tensioni, contrasti, di amministrazioni che non riuscivano ad arrivare al termine naturale del mandato, di gestioni commissariali, dal 2014 al 2019 l'amministrazione Provoli ha governato invece con continuità e uniformità, senza tensioni di alcun genere tra i vari organismi (Consiglio Comunale, Giunta, Commissioni varie): in concreto, l’amministrazione ha avuto uno svolgimento normale e regolare della sua attività propria amministrativa, una stabilità amministrativa! Questo è stato un bene per tutti!

L'obiettivo cinque anni fa era di cambiare la vita del paese e il cambiamento si è visto: si è affrontato con energia il problema della sicurezza delle scuole, il tema della sicurezza urbana, il riordino delle strade e delle aree degradate, la ripresa dell'espansione produttiva e il tema del lavoro, il decoro agli ingressi del paese, si è dotato San Bonifacio del P.A.T. (piano assetto territorio) con basso consumo di suolo puntando sulla riqualificazione dell’esistente e non da ultimo l’aspetto culturale. Si è voltato pagina completamente! Ad esempio, si è affermato con forza che i nostri figli devono andare a scuola in edifici sicuri e gradevoli: ci voleva poco a capirlo, ma questa amministrazione l’ha fatto pur avendo ereditato una situazione preoccupante, in questo come in altri settori.

Programmi e Bilancio sono andati avanti di pari passo, evitando così proclami vuoti e promesse che non possono essere mantenute; i Programmi devono dimostrare la capacità di leggere la realtà e di farla andare nella giusta direzione; il Bilancio deve essere lo strumento che consente di agire, sapendo che è fatto di numeri e di ristrettezze.

Ciò che preme di più alla coalizione e al candidato sindaco Giampaolo Provoli è poter dare ora continuità all'azione amministrativa, sia in termini di programmazione coerente con quanto si è fatto in questi ultimi cinque anni di amministrazione e sia con gli obiettivi che per il futuro vengono proposti, nella logica di sprigionare idee ed energie presenti nella nostra realtà, fra la gente, nelle aziende, nelle scuole, nelle associazioni, insomma in tutte le realtà del paese.

L'Amministrazione Comunale deve mettersi alla testa di questo movimento, indirizzarlo, sollecitarlo, favorirlo, volerlo con energia e determinazione, per garantire un miglioramento della qualità della vita per tutti e imponendo a sé stessa un livello più alto della attività amministrativa, più rispondente alle aspettative della gente e coerente con le esigenze di oggi, rimanendo sempre e costantemente in ascolto di tutti.

Scarica il programma elettorale completo.